La Tallonite


Molto spesso si sente parlare o si definisce “tallonite” un forte dolore sotto al tallone cioè al Calcagno oppure sull’arcata plantare.

Diciamo subito che questo è un termine improprio che non porta alla risoluzione del problema.

Innanzitutto bisogna ben identificare l’eziologia di tale dolore che può essere dovuto ad una Fascite plantare piuttosto che ad una Borsite, ad una Tendinopatia inserzionale o, più raramente anche se maggiormente infrequente, di una frattura da stress.

Pertanto sarà solo la corretta diagnosi che ci potrà dare indicazioni su quale terapia fisica prendere in considerazione.

In assenza di diagnosi evitare terapie fai da te perchè si rischia di peggiorare la situazione dal momento che, ad esempio, una frattura da stress si tratta diversamente da una tendinopatia piuttosto che da una Fascite!

Come abbiamo visto proprio per la Fascite plantare, in tutti i casi in cui vi è un forte dolore sotto al piede, non importa se più posteriormente o più anteriormente, il protocollo corretto indica di mettersi a riposo per una o due settimane!

Nei migliori casi, se trattasi di inizio di Fascite o di Borsite, dopo una settimana di totale riposo l’eventuale stato infiammatorio si risolve da solo.

Nei casi peggiori potremmo essere davanti ad una frattura da stress o ad una tendinopatia con calcificazione e, qualora dopo una settimana di riposo assoluto, il dolore persista quando ci portiamo in stazione eretta per deambulare bisognerà consultare un buon ortopedico e farsi prescrivere una radiografia.

E’ sconsigliabile l’assunzione di antinfiammatori ed antidolorifici in ottica deambulatoria perché si corre il rischio di aggravare la situazione in essere in quanto, se da un lato il farmaco tende a ridurre il dolore facendoci sentire meno male al momento, camminandoci sopra si aumenta lo stress da sovraccarico oltre al fatto che si rischia di attivare posture di compenso per non sentire il dolore portando così ad una modifica degli schemi motori che saranno precursori all’insorgenza di nuovi dolori in altri distretti corporei.

E’ invece corretto l’uso di antinfiammatori ed antidolorifici a riposo su prescrizione medica.

indietro